BIS. IL LAVORO SENZA LA SICUREZZA

E SIAMO A 9 MORTI. Come nel ’59. Famiglie e attività distrutte. La pregiata ditta Bruscella, una delle “6 migliori d’Italia”, ha dato il bis.

Ora sarebbe anche il momento di far finire questo cazzo di “spettacolo” e imporre e FAR RISPETTARE standard RIGOROSI di sicurezza per un’attività dove l’indiscusso genio artigianale evidentemente non basta.

Se i migliori saltano in aria, per gli altri è solo questione di tempo. Come già tante volte è avvenuto.

Ci sono già troppe esplosioni nella coscienza di questa nazione infelice.

È ora di dire basta. Costi quel che costi. Qui come all’Ilva, a Brindisi o nelle campagne dei mille Mohamed.

Garantire il lavoro insieme alla sicurezza. Un binomio che non deve mai più essere scisso.

!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?’http’:’https’;if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+”://platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);